giovedì 24 marzo 2016

INTERVISTA A LAURA PAUSINI "Vede, io sono stata tanti anni fa con un uomo che mi faceva notare ogni giorno quanto ero grassa e che culone avevo. E il culone non mi preoccupava tanto in Tv, dove lo potevo coprire con le giacche lunghe: ero in casa che avevo paura , e dovevo camminare rasente ai muri per non mostrare il sedere"

Per rendersi quanto sia complicata la vita  di Laura Pausini da un punto di vista organizzativo  , basta consultare sullo smartphone di Laura che condivide con i collaboratori. Ci sono impegni fissati fino al 2017 , e appuntamenti a ogni ora dei prossimi due mesi.


A guardarlo , mette un po' ansia

"Ero così già da piccola : segnavo su un foglio l'ora del pranzo , quella dei compiti , tutto. Sapermi organizzata mette tranquillità. Uno pensa chissà quali vacanze esotiche si faccia la Pausini , invece per me la vera vacanza , quando riesco a ritagliarmela , è passare tre giorni a letto con Paolo (Carta , chitarrista, suo compagno dal 200% ndb)a vedere in Tv i miei programmi preferiti"

Viaggia in continuazione . Eppure c'è stato un periodo della vita , due anni fa , con la nascita della figlia, pensava che avrebbe dovuto fermarsi

"Sono stati i due anni più belli della mia vita . Anche a livello professionale , perché lavorare sapendo che a casa c'è lei ad aspettarmi riempie tutto di significato diverso. Se Paola ( ndb sua figlia) non avesse amato viaggiare, mi sarei fermata. Ma il primo aereo , per Londra, l'ha preso a 4 mesi , al terzo viaggio era già dall'altra parte dell'oceano a Miami , ha imparato a gattonare in Brasile. Certo promuovere un disco o fare un tour è un'altra cosa , significa cambiare paese ogni due-tre giorni : per una bambina di un anno , che deve abituarsi ogni volta a un nuovo orario , a un nuovo clima , a un nuovo hotel , a un nuovo letto, è davvero troppo. Per questo ho accettato la proposta del talent in Messico: per stare un po' di tempo ferma in un posto . Insomma , è grazie a Paola se ho scoperto la Tv"

E poi la Spagna : perché non l'Italia?

"I talent me li hanno offerti tutti : X-Factor, The Voice, Amici. Ma sempre dopo che avevo già firmato all'estero"

Che tipo di giudice è?

"Detto lr mie condizioni. In Messico mi hanno dato carta bianca. Io non credo alle scuole di canto , non penso di poter insegnare a cantare a nessuno, posso solo usare il mio orecchio per giudicare quello che mi piace. E, una volta costruita la mia squadra, posso raccontare ai ragazzi le mie esperienze. Ma non imporrei mai a qualcuno di cantare una canzone che non sente sua: piuttosto me ne vado"

Ha mai vinto uno della sua squadra?

"Mi sono sempre piazzata seconda. Sa, io sono anche il giudice che lascia andare un talento se è molto antipatico. In Messico, per esempio, ho rinunciato a un vincitore annunciato perché non era umile , e ho preferito portare in finale un concorrente più semplice, più vero. Non è un caso se i miei ragazzi oggi lavorano e fanno dischi. Uno l'ho persino portato in tour con me : come giudice è importante seguirli anche dopo"

The Voice e X Factor : quale preferisce?

"X Factor ha saputo sfornare artisti che adesso cantano di mestiere : Marco Mengoni , Noemi, Chiara Galiazzo. Non ho ancora avuto occasione di vederlo quest'anno . Io stessa all'estero sono stata il giudice esotico , ed è una cosa che funziona : l'identità nazionale la danno ai concorrenti"



Quindi in Italia dobbiamo a rinunciare a vederla in un talent?

"Piuttosto penso a un programma tutto mio. Dopo il successo di Stasera Laura ( andato in onda su Rai Uno ndb) mi sono arrivate molte proposte , anche dall'estero. Ma mi sono detta : se lo faccio , questa volta parto da casa mia , e pazienza se sarà più difficile"

Che tipo di programma?

"Ne sto parlando con la Rai , non c'è nulla ancora di definito. Ovviamente uno show musicale , ma mi piacerebbe alla Fiorello . E se dovessi invitare qualcuno , vorrei con me Paola Cortellesi. Perché è un'amica , e perché lo sketch che abbiamo recitato insieme a Stasera Laura , oltre a fare il picco dei telespettatori , mi è piaciuto tantissimo. Questo ritorno in Italia , però, è soprattutto per Paola. Voglio che vada all'asilo , che frequenti i bambini della sua età, che abbia una vita normale , per quanto possibile"

Intanto, però , ha già annunciato le date del tour europeo

"La data di Londra sarà particolarmente emozionate per me , perché è la città dove è stata concepita Paola . Canterò all'Apollo , porteremo anche lei e dormiremo nello stesso hotel. Se riuscissi ad avere la stessa camera, poi, sarebbe il massimo"

Magari ci scappa il Number 2

"No, non lo voglio il Number 2. Se capitasse , ovviamente , ne sarei felice. Ma non è una cosa che mi sento di chiedere a Dio. So cosa vuol dire desiderare un figlio che non arriva , so che per una donna è una delle cose più frustranti e dolorose , così dolorosa da non poterla spiegare. E siccome ho tante amiche e conoscenti in questa situazione , a Dio dico : non te ne chiedo un altro , ma dallo per favore a quelle lì , che lo aspettano e non arriva. Perché lo immaginavo , prima, che diventare madre fosse bello , ma ho scoperto che nella realtà lo è molto di più. Io mi sento migliorata"

In che cosa?

"Molte dicono che, una volta diventate madri, si sentono più fragili , io invece mi sento più forte. Anche nel lavoro : da quando c'è Paola non ho paura a dire dei no , sono più capace di scegliere da sola, e non penso mai che qualcosa possa andare male"

Perché , secondo lei?

"Perché sono stata troppo male, prima. Perché l'unico mio vero sogno è lei. Prima mi mancava tutto , non bastava la musica a completarmi. Forse non dovrei dirlo , ma io mi sento davvero realizzata solo da quando sono madre"

Che tipo di mamma è?

"Riesco a dirle dei no , a differenza di suo padre. Sono ottimista, non ansiosa. Però cerco di non viaggiare mai senza di lei. E se proprio devo lascio un testamento firmato , che aggiorno continuamente e che contiene tutte le mie ultime volontà"

Di che tipo?

"Di tutti i tipi , professionali e personali : io rompo anche da morta. Per esempio, non voglio assolutamente essere lasciata sola nell'intervallo di tempo tra la morte e la cremazione. Ci dovrà essere qualcuno a vegliarmi , fosse anche uno che devono pagare , perché nessuno mi deve toccare"

Parliamo di cose meno lugubri. I 40 li ha compiuti ormai da oltre un anno , e sembra diventata più bella. Ha fatto qualcosa?

"Io appena vedo una siringa svengo dalla paura. E poi ho una truccatrice che mi rende perfetta tutti i giorni : perché dovrei pensare a grandi cose quando bastano le piccole? Comunque , tutta questa nuova bellezza io non la vedo : forse sembravo meno bella perché prima di essere madre ero più inquieta , mentre oggi si vede che sono felice. In realtà un tempo mi curavo di più : prima di Paolo ho avuto compagni che non mi facevano sentire bella, e allora giù a comprare creme, cosmetici , persino quel lucidalabbra per gonfiare le labbra , che brucia. E mai che strappassi un complimento"

Oggi come si vede?

"Allo specchio cerco di non guardarmi mai, perché sono già costretta a guardarmi fin troppo per lavoro, nelle foto, in Tv. Però vedo la bilancia e continuo a fare dieta : ho una fame della madonna da vent'anni"

Per lei la bellezza è una questione di chili?

"Vede, io sono stata tanti anni fa con un uomo che mi faceva notare ogni giorno quanto ero grassa e che culone avevo. E il culone non mi preoccupava tanto in Tv, dove lo potevo coprire con le giacche lunghe: ero in casa che avevo paura , e dovevo camminare rasente ai muri per non mostrare il sedere. Nella copertina di Lato destro del cuore , il singolo del nuovo disco, ci sono io di schiena : nei primi quindici anni della mia carriera una foto del genere non sarebbe stata possibile , perché c'era sempre una persona con me che diceva : non inquadratela da dietro. E quella persona era il mio fidanzato"


Ma il culo, nella copertina, come è venuto?

"E' venuto grosso , come ce l'ho. Ma quella posizione serviva a rendere il significato della canzone. Quindi chi se ne frega, tanto quando vado a casa c'è Paola : come mi guarda lei , non mi guarda nessuno. Mi sveglio al suo fianco , con la maglietta bianca, vedo che mi guarda come mi guarda , e mi dico : e che cazzo . posso anche mangiare qualcosa, tanto gli piaccio"

Ex fidanzati a parte , chi o cosa l'ha ferita di più ?

"Le critiche che ho ricevuto su alcuni giornali per il mio silenzio dopo la tragedia di Reggio ( la morte di un tecnico in un incidente durante il montaggio del palco ndb) . C'è un motivo molto personale dietro la mia scelta , e ha che fare con il rispetto per una madre che ha perso il figlio"

Per questo ha rotto i rapporti con alcuni giornalisti?

"Se si riferisce a Marinella Venegoni, la ragione è un'altra. Ha ironizzato sul fatto che non riuscissi a restare incinta. Avevo un rapporto molto amichevole con lei , che peraltro è stata scortese anche verso Gianna nello scrivere quella frase . E sapeva quante difficoltà avessi a rimanere incinta. Può immaginarsi quanto mi ha fatto male"

Nessun commento: